Edvard Munch – I quaderni dell’anima

Se un paesaggio ci trasmette una determinata impressione e riusciamo a dipingerla, avremo riflesso il nostro stato d’animo. È questo il valore primario dell’arte: la natura è solo il mezzo e poco importa se il quadro la riproduce fedelmente o no.

Alla sua morte, Edvard Munch lascia alla città di Oslo un patrimonio di quadri, disegni e incisioni. Tra questi materiali ci sono anche numerosi manoscritti che gli studiosi del Museo Munch stanno digitalizzando e traducendo dal norvegese all’inglese. Riuniti qui, gli appunti definiti dallo stesso Munch Quaderni dell’anima: annotazioni sparse che come tessere di un mosaico ricostruiscono pezzo dopo pezzo il credo estetico di un artista unico, difficile, a tratti respingente.

Edvard Munch (1863-1944), è considerato il padre dell’Espressionismo. L’urlo (1893) è la sua opera più conosciuta, parte di una serie di opere denominate Il Fregio della Vita, in cui si esplorano i temi di vita, amore, paura, morte, malinconia e ansia.

TRADUZIONE DI SERENA RINALDI

ISBN 978-88-7364-747-8

PREZZO € 12,00