Francis Scott Fitzgerald – Il più presuntuoso

All’una la lampada di Basil era ancora accesa. Continuando a camminare avanti e indietro per la stanza, immaginava nuove situazioni in cui Jobena aveva il ruolo della cattiva, ma ogni volta s’infrangeva contro lo scoglio della cocente umiliazione appena subita. Un presuntuoso insopportabile… quelle parole pronunciate con impeto e disprezzo avevano spazzato via dalla sua mente i nobili insegnamenti. Diventava schiavo delle persone che ammirava, e nel profondo del cuore sentiva che quella ragazza aveva detto la verità.

Usciti per la prima volta su rivista tra il 1928 e il 1929, questi due racconti (ll più presuntuoso e La vita perfetta) hanno entrambi per protagonista Basil Duke Lee, presuntuoso adolescente americano in cui si ritrovano molti tratti dello stesso Fitzgerald, che scrive queste storie ripensando alla sua giovinezza nel Midwest. Sul New York Times il critico Edith Walton definisce i racconti di Basil dei piccoli capolavori, che documentano l’evoluzione di Fitzgerald come scrittore: se manca qui la nostalgia del passato tipica della sua produzione più matura, troviamo invece le aspettative giovanili descritte alla luce dell’esperienza, nel dispiegarsi inesorabile del destino.

Francis Scott Fitzgerald è considerato uno dei maggiori scrittori americani del Novecento. Negli anni Venti diventa portavoce della sua generazione, tra gli eccessi sfolgoranti dell’Età del jazz. Al successo seguono tuttavia anni d’inesorabile declino, aggravato dai guai della drammatica vicenda personale. Suoi, capolavori come Il grande Gatsby e Tenera è la notte, ma anche una vastissima produzione di racconti che fissano sulla pagina i sogni e le disillusioni di un’epoca intera.

TRADUZIONE DI ELISA FACCI
COLLANA: LE MATITE
ISBN 978-88-7364-602-0
PREZZO € 10,00