Joseph Conrad – Per colpa dei dollari

L’aspetto era quello di un vecchio avventuriero a riposo dopo molte esperienze scellerate negli angoli più remoti della terra, ma avevo tutte le ragioni per credere che non avesse mai lasciato l’Inghilterra. Da un’osservazione fortuita venni a sapere che, in gioventù, doveva essersi occupato in qualche modo di navigazione. Fu questo che inizialmente attrasse la mia attenzione. Eppure non era facile classificarlo, e prima della fine della settimana vi rinunciai, definendolo genericamente una vecchia canaglia.

La particolarità dell’universo narrativo di Conrad e il suo linguaggio evocativo si svelano con grande forza in questa coppia di racconti usciti prima su rivista e poi raccolti in Within the Tides nel 1915. Originale per motivi stilistici è Il socio, in cui la figura dell’affarista senza scrupoli Cloete è descritta da un narratore che ha appreso i fatti solo per sentito dire. In Per colpa dei dollari si fronteggiano invece due figure di donna dal carattere antitetico, con un magistrale sfoggio d’abilità nell’indagine psicologica.

Joseph Conrad è uno dei maggiori scrittori del secolo scorso, capace di ricreare atmosfere esotiche e scandagliare le profondità dell’animo umano. Di origini polacche, per vent’anni viaggia per quasi tutti i mari con la marina mercantile francese e quella britannica. Raggiunto il grado di capitano di lungo corso, decide di diventare cittadino inglese e di dedicarsi all’attività di scrittore in una lingua non sua, con risultati stupefacenti. Suo capolavoro è il celebre Cuore di Tenebra.

TRADUZIONE DI CRISTINA COLLA
COLLANA: LE MATITE
ISBN 978-88-7364-538-2
PREZZO € 9,00